20.6.11

Féminité, blondité, stupidité ovvero stereotipi

Leggende e miti da sfatare, stereotopi e luoghi comuni da distruggere ma soprattutto pregiudizi da eliminare.
Come scritto nel mio profilo sono bionda (cenere) con meches di tonalità più chiare, come scritto in precedenti post amo coordinare e porto braccialetti d'argento, come penso sia chiaro amo la moda e adoro prendermi cura di me e in ultimo, ma non meno importante,dichiaro apertamentamente che devo sentirmi a posto anche se vado a correre o esco a far la spesa in tuta. Che c'è di male? Nulla, beh, questa sarebbe la risposta più ovvia. Invece a quanto pare queste sono caratteristiche che non ben si sposano con gli studi che ho intrapreso e sono in procinto di finire. Una chimica non può avere queste caratteristiche, questa è l'idea di una "simpatica" professoressa sorella gemella di Maga Magò.


Il soggetto in questione (SIQ) mi ha bocciato due volte. Fin quì, niente di strano, capita non avere particolare affinità per la materia, per il professore o per la modalità d'esame.Il problema in questo caso sono le motivazioni per cui sono stata bocciata. La prima volta dopo essere stata squadrata e analizzata per tutto lo svolgersi dell'esame (esame orale, immaginate che bello parlare con una persona che ci fa la radiografia) mi è stato detto che forse ero stata occupata a far altro invece che studiare poiché avevo la piega e le meches appena fatte. La seconda volta il destino/sfortuna ha voluto che mi spuntasse dalla borsa Vogue (che era appena arrivato in buca di cui già assaporavo il piacere della lettura come festeggiamento del superamento dell'esame) e quindi dopo la solita mezz'ora di mio fiato sprecato mi è stato detto che studiare determinate materie non è come sfogliare riviste che avevo una conoscenza troppo superficiale della materia.


Sentendomi un po' come nel film Legally Blonde ho pensato a quale escamotage potevo trovare per togliermi quest'etichetta assegnatami. La volta successiva mi sono "travestita" da persona anonima: struccata, niente braccialetti, niente orecchini, niente collane, jeans semplicissimo, t-shirt tinta unita e all star tinta unita, borsa anonima, occhiali da vista e atteggiamento timoroso e insicuro. Cosa ho ottenuto?! Il voto che meritavo le due volte precedenti, contando che dopo la prima bocciatura non ho più aperto libro per presa di posizione. Non sono una presuntuosa ma so quanto valgo e dopo 5 anni di studi universitari penso di essere in grado di valutarmi e capire se sono preparata o meno. Trovo sia indecente che esistano ancora questi pregiudizi e questi atteggiamenti. Tutte le persone sono, o meglio dovrebbero essere, libere di vivere e presentarsi come gli pare e piace. Sinceramente, non perché sono dal lato "curato" della barricata,  apprezzerei di più una persona che si presenta curata, profumata e con personalità che una persona sciatta, non curante di quella forma che ci dovrebbe essere, ovviamente senza cadere nel ridicolo, e anonima. Purtroppo però il mondo gira così, bisogna scendere a compromessi; un giudizio obiettivo e totalmente incontaminato da pregiudizi è così raro da costringerci a diventare attori, caricature.

10 commenti:

  1. Gran bel post!!

    Grazie mille per i complimenti che mi hai fatto per le foto! Terrò in considerazione l'idea di fare un post sulla tecnica...ma in realtà c'è poco da dire...quindi vedrò :)

    Buon inizio settimana!
    Roberta

    RispondiElimina
  2. Che bel post. Sono appassionatamente castana e così rimarrò per sempre (oppure almeno fino alla comparsa dei capelli bianchi) ma per questo post dico a te (e a tutte le altre Legally Blondes che ci sono là fuori): W LE BIONDE! La mia capa è bionda ed è una delle persone più intelligenti che conosco. Certi commenti poi non sono proprio da fare. A nessuno.

    RispondiElimina
  3. Ti copio anche qui quello che ti ho risposto al commento sul mio post: tu mi leggi nel pensiero, quelle scarpe di Zara le ho provate sabato!

    RispondiElimina
  4. @Roberta: Felice che ti sia piaciuto il post.Buon inizio settimana anche a te!
    @Sasha: L'ho già scritto sul tuo blog: ci siamo trovate! ihihih

    RispondiElimina
  5. Bel post! Mi dispiace che ti sia trovata in questa situazione, non è mai bello essere giudicati superficialmente! Comunque complimenti per l'esame superato e speriamo che ai prossimi ci siamo professori più intelligenti ;)

    RispondiElimina
  6. Hai ragione...e soprattutto nelle sessioni estive, non puoi permetterti di andare almeno la domenica a mare, xkè se ti vedono abbronzata puoi giocarti l'esame...io infatti mi presento sempre cn pokissimo trucco e vestita più semplice possibile...e pure mi è capitato di essere bocciata da una prof. ke ha una certa antipatia vs il genere femminile...ke tristezza
    Denise
    fashionischeap.wordpress.com

    RispondiElimina
  7. resto sempre abbastanza sconvolta sentendo queste storie di puro e semplice razzismo....complimenti per l'esame e vai sempre a testa alta=)

    RispondiElimina
  8. Che bello tutto questo sostegno morale, grazie ragazze ^_^ Ora sono ancora più carica per i prossimi esami!

    RispondiElimina
  9. hai ragione! ma l'estateica sarà sempr euna parte importantissima delle relazioni sociali

    www.baselements.blogspot.com

    RispondiElimina
  10. STUPENDO COME SEMPRE. SANTA VERITA' è una cosa con il quale mi trovo spesso a combattere,ma ho smesso ormai, xo l esperimento ci sta tutto :)
    dai un occhiata a quetso post ho bisogno di supporto x il contest di maylilly. A breve pubblicherò anche foto di una sfilata alla quale ho partecipato l'altra sera.. molto interessante :) Baci e alla grande come sempre

    http://venusdollshouse.blogspot.com/2011/06/maylilly-contest.html

    RispondiElimina