11.6.11

Loto d'oro

E' così che veniva definito il piede fasciato delle donne cinesi. Una pratica dolorosissima con il fine di piegare la pianta del piede e farle assumere una forma a mezzaluna, mantenendola di una lunghezza tra i 7 e i 12 cm. Generalmente applicata in età infantile o adolescenziale per permettere alle ossa, ancora malleabili, di deformarsi. 
Prima di essere fasciati, i piedi erano lavati, puliti e cosparsi di allume, avente funzione anti-emorragica e coagulante. La benda era larga 5 cm e lunga fino a 3 metri.

La deformazione consisteva in due operazioni distinte:
- Piegare le quattro dita più piccole (ad esclusione dell'alluce) al di sotto della pianta del piede
-Avvicinare l'alluce ed il tallone inarcando il collo del piede. Le articolazioni del tarso e le ossa metatarsali venivano progressivamente deformate.
I talloni così diventano l'unico punto di appoggio, causando l'andatura fluttuante della donna, come il loto che si piega al vento.

Secondo la leggenda, la pratica del Loto d'oro sorse intorno al 900 d.C. da una concubina imperiale che per conquistare il favore dell'imperatore si era fasciata i piedi con lunghe fasce di seta bianca per poi danzare la "Danza della luna sul fiore del Loto".
Incoraggiata dal Confucianesimo, che vedeva nel Loto d'oro una dimostrazione perfetta di sottomissione della donna all'uomo. Le donne con i piedi fasciati erano fisicamente dipendenti dal loro uomo, ed era estremamente difficile allontanarsi dalla propria casa a causa della difficoltà di equilibrio. Alla fine la pratica divenne così popolare che una donna che non aveva i piedi fasciati non aveva speranza di contrarre un buon matrimonio. Una buona fasciatura dei piedi sostituiva qualunque altra dote di una donna.
La pratica fu abolita ufficialmente da un decreto imperiale del 1902, ma ci vollero 50 anni affinché la pratica scomparisse gradualmente. Il popolo, infatti, offrì molta resistenza al cambiamento delle usanze. 



Sono stata ispirata a condurre questa ricerca (se volete saperne di più di così Wikipedia e Museo Nazionale d'Arte Orientale) e rinfrescare la mia memoria su quest'usanza orientale da uno dei miei ultimi acquisti. Un paio di zeppe di Ash

Ho il piede piccolo, calzo un 36, che corrisponde a 22 cm di lunghezza ma la misura della suola a contatto con il terreno di queste scarpe è solo 16cm; ben 6cm meno! Incuriosita da questa misura ho preso il metro e ho controllato la lunghezza tacco-punta di altre scarpe e mi sono resa conto che tutte quelle con altezza 12 hanno una lunghezza calpestabile di 16cm. Non me ne ero mai accorta, la zeppa essendo tutta unita ha fatto risaltare la miniatura.
Quindi anche noi occidentali siamo stati influenzati dal fascino del piede piccolo e della camminata ondulante. Il tacco infatti non solo conferisce un' altezza maggiore ma anche un'andatura e uno charm particolare; proprio come avevo già scritto descrivendo la sensazione provata nell'indossare le mie Louboutin! Per fortuna non ci siamo spinti alla tortura subita dalle povere donne cinesi ma credo che ci siano delle similitudini forti.
D'altronde tutto il mondo è paese come si suol dire..
A proposito di tacchi e pianta: sapevate che hanno ricavato anche una formula matematica per calcolare qual'è il tacco più alto che una donna possa indossare a seconda del numero di scarpa? (L'ho letto su "La fisica del tacco 12" di Monica Marelli, ve lo consiglio, davvero carino) 
La formula è Altezza tacco= Q x (12+3s/8) Dove Q è un fattore "misterioso" che può andare da 0 a 1 e dipende dal tipo di scarpa, dal numero di anni di esperienza nell'indossare tacchi, dal numero di uomini che attireremo con quel tacco (un sacco di variabili insomma) e s è la misura della scarpa espressa in unità inglesi





9 commenti:

  1. Ciao grazie mille per il premio! sono contenta che il mio blog ti piaccia! :DD anche il tuo blog è davvero molto carino!ti seguo molto volentieri!:DD
    un bacione,
    Ilary ^_^

    RispondiElimina
  2. o mamma pensa che male..no figurati non posso neanche pensarci fai te che io ho il 39 e mezzo :)
    cmq complimenti per il premio!
    un bacio

    RispondiElimina
  3. Ancora grazie!!! :)))
    E davvero complimenti per il tuo blog!

    http://simpleflair.blogspot.com/

    RispondiElimina
  4. Mamma mia era davvero una pratica terribile!
    Comunque molto carine le tue scarpe e complimenti per il premio :)

    RispondiElimina
  5. Sarà un discorso politicamente corretto, ma io credo che nonostante l'abolizione del loto d'oro, le donne siano comunque prigioniere di tante altre torture, estetiche e non. Bravissima a parlare di questo tema, ricordo un documentario in cui fecero vedere le ultime donne rimaste che avevano dovuto subire questa tremenda deformazione e di come il loro corpo si sia vendicato nella vecchiaia con caviglie enormi e paralisi...non riesco minimamente a capacitarmi di come potessero essere considerate belle. Capisco l'andatura ondeggiante, (non) capisco la sottomissione all'uomo, ma la deformazione e il divieto di vivere una vita di diritti e libertà no, non li capisco proprio!

    RispondiElimina
  6. Grazie a tutti per i commenti ^_^.
    @Thefashioncommentator: Sono più che d'accordo con te.
    Ho voluto fare un semplice post informativo e non dire la mia per non risultare troppo polemica ma approvo totalmente il tuo pensiero. Tanto per capirci; il problema dell'unico figlio, "casualmente" spesso maschio, penso sia un abominio! Non sono per la lotta uomini Vs donne ma le pari opportunità (tanto più se si parla di feti) penso siano più che lecite. Con questo approccio una donna viva si sente già fortunata e quindi in debito. Il problema maggiore credo derivi proprio da questa cultura della sottomissione SBAGLIATA ma radicata in loro. Solo le stesse donne con un movimento forte, e magari l'aiuto di culture in cui il sesso femminile è più emancipato, potrebbero cambiare la cose.

    RispondiElimina
  7. INTERESSANTISSIMO.. NN LO SAPEVO
    BEL POST
    http://venusdollshouse.blogspot.com/2011/06/milan-city.html IL MIO NUVO POOST IN GIRO X MILANO :D

    RispondiElimina
  8. ciao,credo che il tuo blog sia davvero molto interessante,come dimostra questo post.complimenti!baci

    RispondiElimina