24.6.12

Take care of.. PERFUMES


Il profumo è uno dei mezzi più connotativi che possiamo usare per parlare di noi e purtroppo spesso viene terribilmente sottovalutato e trascurato.
Per conservare il nostro profumo infatti vanno rispettate alcune semplici ma fondamentali accortezze. 




In primis bisogna assicurarsi che questa magica pozione non venga rovinata dal calore e dalla luce.
Se collezionate diversi profumi: perché li indossate, come me, a seconda dell'umore che avete o che vorreste avere, per trasmettere una sensazione, per rivivere un ricordo o semplicemente perché vi piace così punto. Vi consiglio di tenere i vostri flaconi nelle loro scatole così da eliminate il problema luce e assolutamente non vicino a fonti di calore.
Che ne dite di riporli nell'armadio? Tanto per spruzzarsi il profumo non c'è bisogno necessariamente di uno specchio.
Oppure durante le stagioni più calde nel frigo! Vi sembrerà un po' strano come luogo per conservare i profumi ma è ottimale perché il freddo garantisce il massimo equilibrio dei componenti della fragranza.
L'importante è metterlo nei punti giusti, per fare in modo che le molecole possano scaldarsi, volatilizzarsi e esprimere le loro fantastiche fragranze.

Le zone migliori sono quelle con la pelle sottile e molto irrorate dal sangue: i polsi, le tempie, l'incavo dei seni, il retro delle ginocchia e le caviglie. Forse ginocchia e caviglie non sono proprio classici ma il profumo è composto da molecole volatili che tendono a muoversi verso l'alto e in questo modo sarete profumate interamente.
Non metteteli invece: dietro alle orecchie la pelle è più spessa e unta e le molecole odorose rimangono ancorate al tessuto epiteliale, sui capelli, il profumo è composto di alcol 95% e olii essenziali: entrambe rovinano gli amminoacidi che compongono i nostri capelli.
C'è chi consiglia di metterlo sul bordo di abiti o gonne per emanare la fragranza ad ogni movimento. Io lo sconsiglio; il profumo sulla nostra pelle acquista una versione unica (per questo bisogna sempre provarli sulla pelle dopo aver selezionato le fragranze di nostro gusto sulle mouillettes) cosa che si perde su un tessuto; inoltre tessuti come le fibre sintetiche possono variare il bouquet e altri come la seta possono invece essere rovinati dalla combinazione oli essenziali e alcool.

Nonostante tutte le cure che possiamo riservare a questi bellissimi flaconi una volta aperti è consigliabile usarli entro un anno onde evitare che i bouquets mutino o si affievoliscano.
Se siete quindi affezionate a un unico profumo comprate i grandi formati, che hanno maggior convenienza ma se vi piace cambiare affidatevi a formati piccoli così non rischierete di rovinare la fragranza.

Ed ora profumatevi, parlate di voi, seducete, fate sì che solo al sentire il vostro profumo gli altri capiscano chi siete!







7 commenti:

  1. Ciao!Grazie per i preziosi consogli...
    c'è un giveaway in corso sul mio blog www.CAMILLASSECRETS.com ...in palio un magnifico bikini:)
    Ti aspetto;)!
    A presto
    C.

    RispondiElimina
  2. post davvero molto utile.

    c'è sempre da imparare!

    buoan settimana!

    RispondiElimina
  3. :) mi piace!!
    baciiiii
    http://stylestarmjonas.blogspot.it

    RispondiElimina
  4. Sulle caviglie e dietro le ginocchia non lo sapevo! Interessante questo articolo! Mi piace!!

    WhiteCloset
    Facebook
    Twitter

    RispondiElimina
  5. in frigo... non ci avevo mai pensato.
    però nell'armadio no, a me piace vederli tutti in fila sulla mensola al bagno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la tua mensola è al riparo da luce diretta e calore va benissimo.. E' bello tenerli in vista ma si rischia di rovinarli.. Un'alternativa è collezionare i flaconi finiti, esporli, mentre quello che usiamo tenerlo al sicuro!

      Elimina
    2. infatti i flaconi non li butto. comunque credo che la mensola sia al riparo dalla luce del sole diretta.

      Elimina