24.12.12

Pirati metropolitani


Alcuni lettori uomini mi hanno fatto notare che scrivo dei loro passi falsi ma non di consigli e indirizzi su come comparsi durante gli appuntamenti, le regole  fondamentali per fare una buona impressione.
Cari ometti un buon indirizzo sarebbe NON FARE come i vostri "colleghi" di cui ho già raccontato ma d'ora in poi cercherò di essere più specifica.
Partiamo da un nuovo racconto di "Men DNR"!

Una cena di gala natalizia.
La location eccezionale di un castello fuori città, addobbi eleganti, atmosfera da sogno. Un'ottima occasione per conoscere nuove persone, e così fu!
Dopo cena durante il rito della lotteria di beneficenza gli sguardi si incrociano più volte.
Lui è in smoking e ha un sorriso smagliate. I tavoli sono lontani ma tra le teste degli altri invitanti c'è uno spiraglio attraverso cui si riesce a flirtare con sguardi e sorrisi.
La cena finisce e lui si avvicina, brillante fa una battuta sul premio vinto e in poco tempo si esauriscono le chiacchiere convenzionali che portano alla richiesta del numero di telefono.
Tutto perfetto. (Anche se dovevo ricordarmi di un'esperienza passata! Queste occasioni sono ingannevoli)
Finalmente arriva il momento dell'appuntamento. Lui propone un incontro meno formale del precedente e non potevo che essere d'accordo.
Cena e drink: un classico.
Il ristorante incontra molto i miei gusti: moderno ma che offre piatti tipici della cucina piemontese e tutti a km zero. Penso di aver fatto centro. (Mai, mai, mai pensarlo è lì che, zac, l'appuntamento precipita! Infatti..)
Mangiamo gli antipasti e tutto bene, poi lui ordina un filetto con rucoletta e scaglie di grana.. (che c'è di male? Niente, se non che..)
Il SIQ inizia mangiare i bocconi di carne con la forchetta e la rucoletta e le scaglie di grana che "scappano" con il coltello! Una roba che neanche Jack Sparrow metteva il coltello in bocca così!


No,no,no! Il coltello serve per tagliare, al massimo per aiutare ad accompagnare, quel che non si riesce ad infilare, sulla forchetta ma non va in bocca!
Niente; tutta la pietanza è stata mangiata così! Rucola e scaglie di grana sono state rincorse per tutto il piatto facendo le piste delle macchine con il coltello. Ci mancava solo l'accompagnamento del suono della macchinina come fanno i bambini. Meee, meee, meee..
Non finisce qui: conversando, tra un boccone e l'altro, con un po' di ironia esprimo il mio dissenso usando una battuta semplice "non hai paura di tagliarti la lingua?", lui non coglie, ride a crepapelle e peggiora la situazione.
Mi mostra così, il cibo masticato che ha in bocca, neanche alla lezione di scienze in terza media avevo visto così bene il bolo alimentare, forse durante il gioco che facevamo da bambini: "Vuoi vedere un incidente in galleria? Aaaaa!", visione della poltiglia insalivata. BLEAH!
Malauguratamente c'è dell'altro; al SIQ con tutto questo masticare e ridere a bocca aperta si infila qualcosa tra i denti, chiede lo stuzzicadenti ma nell'attesa ci prova con il dito e facendo rumori tipo risucchio! Non so ancora come ho fatto ma con ESTREMA diplomazia e un' espressione d'orrore mi sono congedata per andare alla toilette (cosa che in realtà avrebbe dovuto fare lui!).
Una volta tornata il SIQ  per fortuna aveva concluso l'operazione odontoiatrica.
Io mi sono chiusa in un silenzio di disgusto che non è stato capito anzi, ha portato a una perla di saggezza: "Ah, mi piacciono molto più le cene informali, che noia tutte quelle regole del Galateo!" Io ho sorriso anche se avrei voluto dirgli: " Ma dai! Non avevo colto che prediligessi un comportamento da cafone e troglodita!".

Serve precisare che CASUALMENTE mi è venuto un mal di testa folgorante e mi sono fatta riportare a casa? Altro che drink.. Serve dire che CASUALMENTE la mia agenda è diventata fittissima di impegni e non ci siamo più visti?

Io sarò esigente, rompiscatole, puntigliosa ma uomini, uomini cari, non pretendo che conosciate il Galateo a memoria e vi comportiate da damerini però vi prego, vi prego con il cuore, le basi, B-A-S-I!

1. Non si parla con la bocca piena.
2. Il coltello non va MAI alla bocca.
3. Se vi si infila qualcosa tra i denti si va alla toilette per toglierlo.

Questo solo per quanto riguarda i passi falsi del genio d'eleganza sopracitato.

Per tutto il resto non c'è bisogno che vi compriate il tomo "Galateo", basta un ripassino veloce.
Leggete "Non si dice piacere" della mia amica Ilaria. Semplice, facile, veloce..

4 commenti:

  1. Ti auguro un buon Natale e invito te e i tuoi lettori a partecipare alla scelta dei migliori film del 2012 sul mio blog.

    RispondiElimina
  2. ahahahahah mi hai fatto morir dal ridere!!!
    passa un buonissimo natale :)

    new post in my blog!
    www.alicemazzara.blogspot.com

    RispondiElimina
  3. Oddio mostrare il cibo che si ha in bocca mi pare davvero troppo!! Che soggetto!!
    Comunque i tuoi post sono sempre carissimi :)
    Tanti auguri di buone feste!!
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di cuore che non fosse voluto, che sia stata la risata a bocca aperta e senza mano davanti a offrirmi lo spettacolo.. Per il resto però non trovo giustificazioni! :-s

      Elimina