4.6.13

Shopping in tempo di crisi: SWAP


Cosa c'è di meglio che fare shopping?!
Ogni fanciulla (ma ammettiamolo, anche molti fanciulli) traggono un vero piacere a far girare l'economia!
Sarà dovuto al rilascio delle endorfine che regala l'atto dell'acquisto? Lo shopping è uno sport, non sottovalutiamo le energie che si impiegano a tirar fuori la carta di credito e strisciarla, o a contare le banconote. Una vera fatica! ;)

Blair Waldorf post shopping

Scherzi a parte, è una sensazione di certo piacevole conquistare, o meglio acquistare, un nostro desiderio, un qualcosa che ci piace, che è stato frutto di un colpo di fulmine o di un'attenta riflessione durata giorni e giorni. "Sarà il caso di acquistare quella maglia fluo, quelle scarpe stupende ma tanto scomode o, ancora, quel vestito lunghissimo gipsy che mi fa sembrare un fungo..?" Ecco, a volte no, non sarebbe il caso, non si riflette abbastanza e, nonostante i se e i ma, ci facciamo prendere dalla frenesia dell'acquisto, da quel lato patologico da shoppingaholic e compiamo il gesto fallimentare.
Poi c'è lo shopping on line che ha i suoi pro: riempire un carrello di tutto ciò che ci piace per poi selezionare attentamente cosa acquistare e cosa no oppure semplicemente compiacersi di quello che, anche solo con il pensiero, potremmo fare nostro. Però ci sono anche i contro: la taglia potrebbe non essere fedelissima a ciò che riporta il sito, il colore sul monitor potrebbe essere diverso che dal vivo e sulla modella quel che era una figata su di noi.. ehm, meglio non infierire.
Bene mie/i gentil pulzelle/i ho la soluzione per voi.
Soluzione testata e provata.

Lo SWAP.
Fin dalla prima esperienza ne sono rimasta entusiasta..
..per questo ho deciso di riproporre quest'idea di shopping alternativo.
Partendo dai principi:

Principi per lo swap

Ogni swappista ha radunato le cose da scambiare che sono state attentamente valutate secondo un criterio precedentemente stabilito, poi i pezzi sono stati convertiti in swap denari.

swap denaro

In questo modo ognuna ha potuto usare il budget corrispondente ai suoi capi da swappare per "acquistare", è stato utile per rendere più pratico lo swap!
Uno shopping diverso ma altrettanto stimolante e soddisfacente di quello tradizionale.

Un'alternativa che può essere anche una buona occasione per fare beneficenza.
Noi abbiamo fatto pagare una piccola quota partecipativa per poter contribuire al progetto SMile del distretto Rotaract 2030.
Lo shopping alternativo è stato allietato da un'ottima merenda ed i simpatici, e assai utili, omaggi offerti da Woolite Italia.

panini e dolcetti

Torta swap party

Mini detersivi Lip Woolite per omaggi

Shopping bag Lip Woolite

Non vi ho fatto venire voglia di organizzare uno swap? :)
Io sto già pensando al prossimo!

2 commenti:

  1. sono una grande sostenitrice di queste iniziate.

    in tempo di crisi sono irrinunciabili!

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it/

    RispondiElimina