9.7.13

Plurale maiestatis


Il plurale maiestatis si usava per riferirsi a se stessi usando la prima persona plurale.
Ad oggi il NOI è la parola più pericolosa che si possa usare in una relazione di coppia, si cade in un circolo vizioso, in un tunnel senza uscita.
L'amore è una cosa mer(d)avigliosa ma ricordiamoci che non rende lobotomizzati o perlomeno non apparentemente!
Si dice due cuori e una capanna, due metà della mela, due anime gemelle.. quindi due elementi ben distinti.

due metà di mela unite

Non un cervello in due, una personalità in due e un neurone in due!
L'altra sera a una cena ho sentito dire "Noi facciamo tutto insieme..." e, non lo nego, oltre a una risatina isterica mi è venuto un conato di vomito. Sono esagerata? Forse sì, ma per me non è questo l'amore!


donna che vomita cuori

Abbiate pietà dell'amore, non ridicolizzate un sentimento tanto nobile.
Due persone possono stare insieme ed amarsi senza necessariamente fare le stesse cose, avere le stesse opinioni e soprattutto senza che uno si faccia portavoce dell'altro annullando personalità e soggettività.
Siamo esseri unici e speciali che, sì, amano avere altri esseri accanto ma penso sia fondamentale non perdere la nostra individualità.
Io penso a due persone che si amano come due individui che si avvicinano e che si completano ma che danno uno all'altro quel qualcosa in più: nuove passioni, nuovi interessi. Il rapporto a due è un motivo per migliorarsi, per crescere non per abbrutirsi.
Io condivido l'idea dei porcospini di Schopenhauer.
Basta poco, quando vi riferite alla vostra coppia dite "io e .." (anche se io asino primo, ok..).
A meno che non siate in mezzo ad amici molto intimi o lo facciate per scherzo non chiamate il/la vostro/a partner con nomini sdolcinati, tanto carini e teneri in privato quanto imbarazzanti e fuori luogo in pubblico.
Se a voi non piace decidere ogni tanto sforzatevi e proponete voi, al contrario se amate programmare e pianificare cercate di lasciare spazio alla vostra dolce metà.
Se amate l'opera o il balletto ma il vostro partner lo detesta stupitelo con una commedia teatrale divertente o un musical.
La partita a calcetto di lui la domenica è la vostra croce? Andate a fare il tifo ogni tanto, così dopo lui non avrà scuse e verrà via con voi. Partecipate a un corso di cucina a due dove alla fine mangerete ciò che avete creato insieme (a chi non piace mangiare? C'è qualcosa di più sexy che cucinare e mangiare insieme?).
..e chi più ne ha più ne metta. Un passo uno verso l'altro senza però rinunciare al proprio essere. Un po' come una reazione in equilibrio dove sembra ci sia staticità, in realtà avviene un continuo scambio tra reagenti e prodotti.
freccia doppia che rappresenta equilibrio chimico

Non smettete mai di sedurre il partner e di farvi sedurre. Esiste sempre un amante e un amato nella coppia e la cosa più bella è quando queste due figure si alternano.

4 commenti:

  1. Ele ti stavo per scrivere bel post e condivido tutto, ma poi hai tirato in ballo le relazioni d'equilibrio statico...aaaarrrghhh sto preparando scienza delle costruzioni, questo non me lo dovevi proprio fare!!! :P
    Comunque nonostante ciò, la penso proprio come te! ^_^
    Un bacione, torno ad equilibrare le strutture :(
    Alessandro - The Fashion Commentator

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Ale, non sarebbe ChimicaMenteFashion se non ci fosse qua e là un parallelismo con equilibri e reazioni. ;)

      Elimina
  2. magnifico.
    proprio un post magnifico.

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it/

    RispondiElimina